Feed
News

Junk food (è DROGHA!)
di Makkox

18 ott
2010

Un recente commento nel blog del Canemucco m’ha fatto riflettere. Il commentatore, poi, anonimo, ha iniziato a trolleggiare, ovvero cercare rissa, quindi l’ho bannato, che le caciare nei commenti sono junk food: mastichi mastichi e non nutre un cazzo, ma ho lasciato i suoi commenti perché esprimevano compiutamente il punto. Il suo punto di vista, cioè, e i punti di vista non vanno bannati.

L’autobitumiera in flash rullante

All’inizio della mia esperienza web, prima che iniziassi a postare disegni online, mi ritrovai a partecipare, prima, e moderare, dopo, un forum abbastanza movimentato. Si parlava di tecnologia flash in quel forum e non c’è nulla di più rissoso e puntiglioso di un programmatore flash dilettante, quali eravamo tutti. Moderare quel forum era come essere chiusi con 400 gatti nel tamburo rullante di un’autobitumiera che viaggi forte a zig zag sullo sterrato fuori Kinshasa, e nel mentre evitare che si (e mi) facessero a straccetti.

Imparai a discernere le discussioni accese dai cagamenti di cazzo, e a metter lucchetti. Comunque sempre a motivare tali scelte e, fin dove era ravvisabile un concetto, una domanda, a dar risposta a questi, non agli insulti (a meno che non fosse divertente). Divenni abbastanza esperto e pratico di ‘ste situazioni, acquisii una risolutezza che nel tempo mi è tornata spesso utile.

L’uscita regolare come l’intestino? Ok, ma prima la qualità

In breve, senza riportare parola per parola il contenuto dei commenti in questione, l’unica accusa degna di nota è il tradimento, da parte mia, della regolarità d’uscita della rivista. In merito alla validità dei contenuti non discuto perché è materia su cui l’autore non ha diritto di difesa, né necessità, una volta pubblicati. L’opera è lì, non appartiene più a nessuno: un figliolo che deve affrontare la vita sulle proprie gambe. Gli attacchi personali poi, uff… son acqua da bidet.

Non riesco a produrre con esatta cadenza mensile per tanti motivi, alcuni intimi, di cui mi sento personalmente responsabile, altri editoriali di cui mi sento responsabile per senso d’onore verso i lettori a cui ho chiesto personalmente fiducia senza farmi scudo dell’Editore, ma non oggettivamente colpevole. Nessuno dei motivi a cui accenno lo rivelerò qui, sarebbe stucchevole, basti dire che Ok, colpa mia, farò il possibile per rientrare nelle tempistiche, ma mai a scapito della qualità de il Canemucco, sorry.

10 vite e 6 volumetti

Voglio crepare (un domani lontano spero!) guardando con orgoglio sullo scaffale della mia libreria i sei volumetti della season One più tutto il resto che mi propongo di realizzare nei mesi e gli anni a venire, ché di voglia di raccontare ne ho che basterebbe per 10 vite (azz che discorsone! mi mancano le tende gialle dietro e un cognato a Montecarlo da incolpare). Intendo divertirmi sempre, in tutto ciò, altrimenti sarebbe aver lasciato il mio precedente lavoro per un altro “lavoro”: uff, no eh!

Quindi: questo è. Chiaro, trasparente, umanamente onesto. Immagino non ci fosse neanche bisogno di spiegarlo, ché voi siete empatici e intuitivi o leggereste Pupilla di Culicchia e non il Canemucco (ghigno maligno).

Infine, l’ho scritto nel blog e lo ripeto qui: chi si fosse abbonato e si sentisse in qualche modo fregato, mi scriva a canemakkox@gmail.com e, a parziale e simbolico risarcimento, corrisponderò la cifra dell’abbonamento sottoscritto, con tante scuse sincere. Tutta st’operazione ha come presupposto la sincerità.

Bollettino del futuro prossimo e mucco

Torniamo alle cose vere. Bollettino:

  • - I commenti al blog son moderati, portate pazienza.
  • - Il numero 4 è in lavorazione (leggi “sto a disegnà”): portate pazienza.
  • - I contenuti non vi piacciono e i disegni vi sembrano brutti? Portate Pazienza. :-)

Concludo con un abbraccio colmo di gratitudine a tutti, ché io una vita così non me l’aspettavo, e poi passiamo oltre: tempo ce n’è poco per cazzeggiare. Ho un mare di storie da raccontare, per chi vorrà ascoltarle, 45 anni all’anagrafe e solo due mani per disegnarle. (vabe’, una disegna e l’altra pesca nel sacchetto patatine dell’Ikea. Droga, gente, è DROGHA!).

Potathoes, by Makkox

Potathoes, by Makkox

12 Commenti

Segui il feed dei commenti
  • Commento di Rumenta, 18.10.2010 Rispondi

    con i giornaletti vale lo stesso discorso dei dischi. A me piacerebbe che il mio gruppo preferito facesse un disco nuovo, diciamo, al mese. Non è possibile, sia perché il mio gruppo preferito è un po’ datato e loro si sono pure litigati e non s’è capito se si parlano o no, sia perché probabilmente sarebbe una porcata di disco. Le opere d’arte sono come i figli, dice bene il papero. E i figli mica crescono perché a 18 anni devono essere già belli e fatti. Alcuni saranno pronti a 40 anni, altri a 20, altri a 16. E quindi, ora la sparo grossa, caro Makkox, il giorno in cui inizierai a rispettare le scadenze e non l’ispirazione e i suoi tempi (chè l’arte ha i suoi, e se non crei con gioia, che cazzo crei a fa’?), mi sa che smetterò di leggerti. Mettici pure due o tre mesi o pure un anno (a me che me frega, tanto il postino me lo porta quand’è pronto e c’ho un sacco di cose da fare per intanto), perché io voglio una cosa tipo le tre scorse, che sono cose che vale la pena aspettare, annusare, sfogliare, leggere (scusate gli errori di battitura eventuali, ma oltre che brutto sono pure dislessico).


  • Commento di Dania, 18.10.2010 Rispondi

    Ci vuole la santa pazienza (e comunque hai in programma una vita in più dei gatti)


  • Commento di balsam, 18.10.2010 Rispondi

    sour cream & onion by Ikea
    DROGHAA!


  • Commento di Antar, 18.10.2010 Rispondi

    Che poi, quindi, sei pure mancino [no, gnente, una cosa mia]?


  • Commento di KoKo, 18.10.2010 Rispondi

    quale mancino, la mano dominante è alle prese con l’argomento principale =)


  • Commento di Makkox, 18.10.2010 Rispondi

    son destro, con la sinistra disegno solo alcune volte, per gioco, tipo tavoletta ouija, vabuò, cose mie, e m’esce un tratto diverso, ma vado un po’ lento.
    http://canemucca.tumblr.com/post/22305104


  • Commento di eve, 19.10.2010 Rispondi

    uff il mio modestissimo punto di vista l’ho scritto sull’altro post e poi ho letto questo… vavè! ;)
    la penso come rumenta… se fai un disco l’anno magari diventi ricco e famoso come ligabue e vasco rossi ma pure noioso e uguale a te stesso come appunto e ho detto tutto ;)


  • Commento di S, 19.10.2010 Rispondi

    A me un giornale a cadenza irregolare piace. Sarebbe persino bello se fosse indicato in copertina anziché trovarci un banale “mensile”. L’abbonamento l’ho pagato sulla fiducia che prima o poi ricevero’ le copie (entro tempi ragionevoli, certo). Quando una fa un’abbonamento a scatola chiusa la sorpresa fa parte del gioco. E non e’ stato male sentirsi un po’ una piccola mecenate per un progetto artistico in evoluzione. Io sono curiosa non solo di vedere il prodotto, ma anche di fiutare che succede nella sua gestazione. Mi piace spiare dietro le quinte, l’essere informati di pinnacoli e cali di ispirazione attraverso il blog. Ed e’ bello sapere che esiste una rivista che e’ un lavoro di artigiano piuttosto che puro e puntuale business.


  • Commento di laiena, 20.10.2010 Rispondi

    Sono d’accordo con tutto quello che hai scritto, TUTTO, tranne una cosa: le patatine dell’IKEA le friggono nell’olio motore ESAUSTO, e manco ‘na passata de carta assorbante dopo… prova le PAI (quella è DROGHA!).

    Infinita ammirazione MAK, io t’aspetto tutto il tempo che ci vuole ;)


  • Commento di Marco, 21.10.2010 Rispondi

    “tempo ce n’è poco per cazzeggiare. Ho un mare di storie da raccontare, per chi vorrà ascoltarle, 45 anni all’anagrafe e solo due mani per disegnarle”

    grande citazione Gucciniana…
    Makkox continua così!


  • Commento di marco, 24.10.2010 Rispondi

    mi unisco al coro dei: vai tranquillo; sono abbonato ma niente fisime, se il progetto cambia e pretende più tempo , che sia cosi; quello che conta è la qualità del materiale pubblicato. Aspetto anche io tutto il tempo che ci vuole.


  • Commento di Tony Clifton, 25.10.2010 Rispondi

    Consiglio una drogha alternativa: http://www.kettlebrand.com/our_products/potato_chips/#/our_products/potato_chips/?pid=10
    Sono uno spettacolo. Aiutano anche a sopportare l’attesa del numero 4. Ah, si trovano all’Esselunga.







Torna su


x

Ci stai cercando in edicola e non ci trovi?

Siamo in fumetteria, o puoi comprare l'albetto scontato via web. Tutte le info qui »

professional resume writing services