Feed
Segnalazioni

La rifrazione dell’aragosta

25 mag
2010

Gianluigi Filippelli, sul blog di scienza e dintorni Science Backstage, analizza il meccanismo della rifrazione partendo dal dialogo tra Don Mimì e Settimino, proprietario della pescheria della Vasca (e la vasca della pescheria).

L'aragosta della vasca di Settimino. Part. dal canemucco n°1Settimino: Eccola qui, la più piccoletta m’è scappata, va bene lo stesso questa però, che ne dite Don Mimì? Non è tanto grossa, quella è l’acqua che la fa sembrare chissaché.
Mimì: Hmff… Tu dici che a me sembra così grossa per via della rifrazione?
Settimino: …
Settimino: ‘on Mimì, ma figuratevi se io volevo significare che voi tenete ‘sta cosa… ‘sta rinfranzione che vi fa vedere le cose storte! Maperlamoriddio! Tengo mio figlio un poco astigmatico e figuratevi se scherzo su ‘ste disgrazie. Io volevo dire che le aragoste nella vasca sembrano…
Mimì: Tranquillo Settimì, HeHe… ho capito. La rifrazione è quel fenomeno per cui… Vabbuò: tira fuori ‘sta creaturella, fammela vedere.

Lo analizza con tanto di diagrammi, angoli di incidenza, simboli oscuri come questi (θ) e leggi di Snell.
Cose tipo il grafico che riportiamo di seguito:

Schema rifrazione, tratto da Backstage Science

Schema rifrazione, tratto da Backstage Science

La cosa ci ha divertito e la segnaliamo con piacere.
Per i curiosi, il fenomeno che Settimino cercava di spiegare è il seguente:

L’ingrandimento di un oggetto sott’acqua, come ad esempio l’aragosta che Settimino sta prendendo a Mimì, è invece dovuto alla differenza di angolo tra il raggio incidente e quello rifratto, che viene percepita come un ingrandimento dell’oggetto.

Astigmatismo, appunto. Uguale.

La pesca dell'aragosta. Part. tratto dal Canemucco n°1

La pesca dell'aragosta. Part. tratto dal Canemucco n°1

8 Commenti

Segui il feed dei commenti
  • Commento di Gianluigi Filippelli, 25.05.2010 Rispondi

    Grazie della citazione (e comunque il nome è “Gianluigi”, ma non preoccupatevi: le prime volte il nome me lo sbagliano tutti!)

    A rileggersi anche sul prossimo numero 2 (non l’ho ancora trovato!),
    Gianluigi!


    • Commento di redazione, 25.05.2010 Rispondi

      Scusa per l’errore, tosto cambiato. Il secondo numero esce a giugno!


  • Commento di makkox, 25.05.2010 Rispondi

    “La rifrazione dell’aragosta”
    The big bang theory non l’avrebbe azzeccato un titolo così bello.
    sono commosso, e non è tanto per dire.


  • Commento di Riccardo Osti, 26.05.2010 Rispondi

    Osservazione eccellente. Complimenti!


  • Commento di milena, 26.05.2010 Rispondi

    la prima cosa che ho pensato:
    (adesso! quando ho letto la Vasca invece son rimasta anche io affascinata dal dialogo)
    spero tanto che Gianluigi sia un professore delle nostre scuole italiane!
    Con due capolavori come voi (papero incluso)
    le nuove generazioni potrebbero amare di + lo studio!


  • Pingback di Anonimo, 9.06.2010 Rispondi

    [...] con l’acqua di un blu ciano e acquatico: un’animàlia circense di purpesse e aragoste, insetti scavanti e gabbiani distratti, cani pneumatici e armadilli di coscienza, bestie umane e [...]


  • Pingback di Canemucco – L’armadillo e la balena, 21.06.2010 Rispondi

    [...] animalia del Canemucco (che appunto, nomen omen, non se ne fa mancare). Dopo l’aragosta rifratta (no, non rifritta maledetti mangioni), il polpo maschio (di Quasimai) e quella femmina e combattiva [...]







Torna su


x

Ci stai cercando in edicola e non ci trovi?

Siamo in fumetteria, o puoi comprare l'albetto scontato via web. Tutte le info qui »

professional resume writing services